Le sale

Le sale


LA SALA BERKEL

La sala Berkel è una stanza riservata alle degustazioni, ma a distinguerla è qualcosa di più prezioso. Otto autentiche affettatrici manuali a volano Berkel, tutte e otto di fattura artigianale, minuziosamente decorate a mano. Sintesi di eleganza e qualità, insuperabili sono gli insaccati affettati con le lame dal taglio che è un inno ai sapori.
Il lento taglio delle carni permette di preservarne la freschezza, esaltandone le proprietà organolettiche. Un’esperienza indimenticabile, dove sapore, profumo e consistenza si imprimono sul palato e nella memoria di chi l’ha vissuta.
Ma le Berkel non sono l’unica attrattiva di questa sala dal carattere originale: le pareti sono tappezzate di documenti di tutte le epoche, testimoni di un passato che rivive tra i tavoli dell’ostaria. In questa stanza, tuttavia, di tavolo ce n’è solo uno. Una grande tavolata da otto a 12 posti che si affaccia discreta sulla cucina a vista. Qui si tengono gli eventi di degustazione e cene riservate.


LA SALA DEGLI SPECCHI

Una sala che fa da confine tra l’ostaria e il ristorante, dominata da grandi tavoli quadrati e da un’antica boiserie in legno che profila le pareti perimetrali. Il nome della stanza è scelto per la gran quantità di specchi disposti paralleli sulle pareti, che si alternano alle scene di caccia raffigurate nei dipinti. Una dama vittoriosa in sella a un cavallo richiama la bellezza diafana ottocentesca, come d’altronde tutto l’arredo, un appello alle antiche locande dei cacciatori. Il posto ideale per gustare in allegria le carni più buone, dalla trippa ai bolliti, grigliate ed arrosti. Tipici sapori che riprendono il filone della tradizione locale, che ha fatto conoscere il cavallino fuori dai confini regionali.


SALA DELLE SPACCIARE

Un ambiente intimo e accogliente, che sembra immergersi in un’altra dimensione nel grande dipinto prospettico, raffigurante un classico giardino all’italiana. Tra i fregi decorativi color verdino, spuntano immagini equestri e lo stemma della società birillistica cavallino, il vero protagonista della sala, dal quale quest’ultima prende il nome. Il gioco delle spacciare, o delle piastre, è un’attività ludica epocale, e questa sala è dedicata a tutti coloro che ad oggi portano avanti con orgoglio questa antica tradizione.


IL TERRAZZO

La vera sorpresa del locale è l’ampio balcone esterno che torreggia sulle mura adiacenti la storica porta. Un luogo incantevole, nel quale si intrecciano simboli e storie, ideale per una cena romantica al lume di candela o per gustosi ritrovi conviviali con amici o la famiglia.
Al terrazzo si accede attraversando la saletta delle spacciare, passando per l’andito coperto da un susseguirsi di arelle ombreggianti in cannelle di bambù. La sala terrazzo, coperta da un tetto ligneo, è arredata in continuità con il resto del locale: elementi decorati a mano, cavallini in bronzo, antichi utensili in rame, carte geografiche ed altri elementi in uso nel passato.
La sala terrazzo rimane aperta da marzo a Settembre.

Gallery